facebook
www.amilcaresolferini.com

Mattonelle Inciampare nella  Cultura

Le Vie dei Poeti a Romano Canavese

IMG-20210303-WA0008
IMG-20210303-WA0007

Consegna  Mattonelle Inciampare nella Cultura 

al Sindaco di Romano Canavese Oscarino Ferrero 

 

 

IMG-20210303-WA0006

LACRIME

 

Le lacrime sono il sangue dell’anima,

ferita da parole pungenti,

oppressa da cocci di ricordi,

fragile come una statua antica

scaraventata a terra da un ladro.

 

Gocce d’esistenza colano spossate,

scorrono i fiumi del passato nella mente,

affluenti delle mie pupille.

Le lacrime sono il sangue dell’anima.

 

Caterina Castellano

 

 

 Mattonella numero 071

 

 

 

20210303194359

 Vuoto rappreso

 

Tempo al ritorno,
saturo di crepuscolo.
Da bramato accordo
eco prorompente 
assiduo risuona
fra maturi vitigni
di suadente vallata.
In mite espansione 
sussurro di brezza
lambisce accorto
i già grevi filari.
Sospeso il silenzio
a dipanare istanti
in vuoto rappreso.

            

A nonno.

 

Schiaffini Monica

 

 

 Mattonella numero 070

 

 

 

20210303194453

 

 GIREVOLI MUTAMENTI

 

Nell’ora tarda crepuscolare

spazientita dal risentimento

vedo stanche braccia innalzare

sbalorditi segni di sgomento.

Tuona improvvisa la rabbia

che non s’arresta e si appresta

rinchiusa in questa addolorata gabbia

in ritorti pensieri chiusi nella testa.

Il tempo ha negato

con risoluto accanimento

e a oltranza violato

ogni possibile mutamento.

Segni imbevuti d’imprevisti

solcano insormontabili piste

s’addentrano amari e malvisti

giù nelle profonde sommità miste.

Non vi è però una soluzione

che arrivi repentinamente

se non cambia la reale situazione

ma non si avverte ugualmente.

Tocca di subire la sorte

in una spirale che indomita inghiotte

è una fine che inevitabile insorge

lo spazio mutevole della notte.

 

Barbara Caporicci

 

 

 Mattonella numero 072

 

 

 

20210303194529

 

Lockdown  2020

 

Il mondo si fermò,

la gente tutta a casa,

alcuni han cantato,

altri bare han portato.

 

La Terra continuò,

guarendo le ferite,

in strada gli animali

ritrovarono vie svanite.

 

La gente poi capì,

piangendo i propri cari,

una maschera sul viso,

non lasciava spazio al sorriso.

 

Un giorno penseremo

a quanto accaduto

e in fondo ai nostri cuori

ritroveremo il tempo perduto.

 

Carmine Antonio Carvelli

 

 

 Mattonella numero 069

 

 

 

20210303194601

 

UN BASIN

 

Cosa ch'a l'ë 'n basin? It l'às ciamame

e mi, son restà li côme 'n tupin.

A l'è 'na cosa ch'i sôn mai spiegame,

ch'i tento, ma i sai nen defini bin.

A l'èe 'na splua ch'a svilupa d' fianme,

a l'è 'n secônd meravigliôs, divin,

ch'an ricômpenssa d' tute j'ôre grame,

a l'è n'eternità 'nt un mômentin.

A l'è d'co la manera dë scambiesse

për mes d'ii laver d'microbi infetiv,

a l'è në sfog che gnun a sa spieghesse,

na musica ch'a ven da dôi côntrast,

a l'è 'n fölet malign... un esplosiv,

un pecaà delissiós... e n'antipast.

FIN.

 

 

Amilcare Solferini

 Mattonella numero 064

 

 

 

20210303194634

 

AMO, FUGGO

 

 

amo, fuggo

scivolo nel ventre della solitudine

anelando già l’alba

 

 

 

Michele Di Tonno

 Mattonella numero 065

 

 

 

20210303194712

 

L’Aurora dalla Bella Dormiente

 

La soave Aurora al mattin si desta,

nell’aura dolce, sottil e mesta

di stelle sbiadite, rugiada e tiglio,

sorge il capo aurato dal giaciglio

di niveo bianco monte roccioso,

lasciando disteso l’Orizzonte sposo.

 

Freme le spalle e le trecce bionde

si specchia distratta in lacustri onde;

con occhi gai di splendente sorriso

rischiara della bruna terra il viso

e distende le delicate dita rosa,

il suo tepore abbraccia ogni cosa.

 

Danza fanciulla al ritmo di risate,

dai tuoi occhi  sboccia l’estate,

danza o ninfa al canto del vento,

sensuale accendi ardente sentimento,

e se il sol ti cinge di candido lino

tu sognante svanisci al chiaror del mattino.

 

Floriana Buzzetti

 

 Mattonella numero 073

 

 

 

20210303194739

 

Chimera


Sogniamo anche ad occhi aperti,
navigando fiumi di emozioni
delle quali ci sentiamo esperti
per le troppe delusioni.
Vagando di notte tra i cieli scoperti,
5 in preda a inspiegabili sensazioni,
per milioni di dubbi incerti
finiamo col sentirci eccezioni.
La notte ritorniamo bambini
pieni di sogni e desideri
10 che teniamo per noi.
E sognando scriviamo nuovi destini,
percorrendo lunghi sentieri,
immaginiamo di essere eroi.

 

 

I.I.S. MARTINETTI di CalusoClasse 2F​​

 

Bertone Nicolò

Amantea Giulia

De Rosa Asia

Sonfetti Jody

 

 

 Mattonella numero 021

 

 

 

 

 

Come creare un sito web con Flazio